Carini. Morte di uno scooterista, rinviata a giudizio ditta di Terrasini

Il Gup di Palermo, Giangaspare Camerini, ha rinviato a giudizio Matteo Lo Piccolo, 45 anni, titolare della ditta Siem di Terrasini, per omicidio colposo. La ditta si è infatti occupata del rifacimento del manto stradale per conto dell’Enel che, in via Cristoforo Colombo a Carini, aveva eseguito lavori alla rete elettrica nel sottosuolo. L’asfalto, però, non era omogeneo e presentava un avvallamento di circa 10 centimetri che, secondo il giudice, potrebbe essere stata la causa della morte di Giovanni Ferrante, 39 anni, che il 28 maggio 2008 è deceduto dopo essere passato sulla piccola buca con il proprio scooter. L’uomo è morto sul colpo, mentre la moto è scivolata per circa 50 metri dopo l’impatto. I familiari di Ferrante (la moglie, la figlia ed i sei fratelli) si sono costituiti parte civile, con l’assistenza degli avvocati Renato Baucina, Jimmy D’Azzò ed Ennio Tinaglia, mentre il titolare della Siem è difeso da Giuseppe Gianbanco e Carlo Ventimiglia. Dunque, secondo la Procura, un piccolo avvallamento presente nel tratto di strada di via Cristoforo Colombo a Carini, avrebbe determinato l’incidente che ha portato poi alla morte di Ferrante. Il processo si aprirà il 17 giugno prossimo, davanti al giudice monocratico della sezione di Carini del Tribunale di Palermo.

La foto inserita non si riferisce ai fatti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: