Cinisi, furto sacrilego in chiesa Madre. E’ il terzo caso in pochi mesi

Ignoti hanno portato via la pisside in argento con alcune ostie

Furto sacrilego nella chiesa Madre di Cinisi. Ignoti si sono introdotto all’interno della parrocchia, hanno forzato il tabernacolo e portato via la pisside in argento con una ventina di ostie consacrate. E’ successo ieri pomeriggio tra le 16,30 e le 17. Il parroco aveva aperto, come ogni giorno, la chiesa ai fedeli da circa mezz’ora. Ma mentre si trovava in sacrestia, qualcuno sarebbe entrato in chiesa e in pochi minuti ha commesso il grave fatto. Poco dopo le 17 la sconvolgente scoperta. I malviventi avevano scassato il tabernacolo e trafugato la pisside, una tra le più preziose custodite in chiesa, e le ostie all’interno.

Un episodio inquietante, il terzo in pochi mesi. A Villagrazia Di Carini, lo scorso 12 febbraio era stata presa di mira la chiesa delle anime Sante di Terrasini. Anche in quel caso fu trafugata la pisside con le ostie.

Un altro episodio analogo si era già verificato lo scorso 23 dicembre a Villagrazia di Carini, nella Chiesa di Maria Santissima delle Grazie.

Tra le ipotesi formulante dagli inquirenti, c’è quella delle sette sataniche, un fenomeno avvolto nell’ombra, che cerca di dare risposte facili alle difficoltà della vita contemporanea, attraverso il male.

Annunci

Una Risposta

  1. tutte le chiese sono state derubate fra terrasini e cinisi,ma ci vuole un po di ritegno…..anche le chiese che schifo di mondo maaaa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: