Rifiuti, via libera alla costruzione di un centro di compostaggio tra Terrasini e Partinico

Via libera alle gare d’appalto da 55 milioni di euro per sei impianti di compostaggio, ovvero le strutture che servono a riciclare una parte dei rifiuti trasformandoli in compost, un materiale utile in agricoltura perchè utilizzabile come concime. E’ uno dei passaggi fondamentali della riforma dei rifiuti che punta a raggiungere percentuali elevate di raccolta differenziata. Il riordino del sistema, prevede come è noto, che i 27 attuali ato rifiuti diventino 18. I sei impianti che sorgeranno in tutta l’Isola di compostaggio permetteranno di trattare 130 mila tonnellate di rifiuti in più ogni anno.
Un impianto sarà anche attivato tra Terrasini e Partinico, in contrada Paterna. Esprime soddisfazione il sindaco Salvo Lo Biundo.“La notizia  sul via libera da parte della Regione al progetto per la realizzazione del  centro di compostaggio di rifiuti organici  nel nostro comprensorio premia il lavoro fatto dall’assemblea dei sindaci dei 12 comuni dell’Ato Palermo 1, dal Comune di Partinico come ente apofila e dal Presidente  Liquidatore della società Antonio Geraci,  che ha portato a questa grande opportunità per tutto il territorio.”
La struttura di Contrada Paterna nel territorio di Terrasini a confine con Partinico, potrà trattare circa 9 mila e 500 tonnellate di rifiuti organici all’anno.
“Per la realizzazione dell’opera – aggiunge Lo Biundo – sono previsti investimenti per circa 5 milioni di euro attraverso una procedura di Project Financing: Il 50% della somma prevista verrà anticipata da un soggetto privato che gestirà il centro per 15 anni, l’altra metà  dello stanziamento necessario invece verrà erogato dalla Regione. Grazie  a questo centro di compostaggio – conclude il sindaco di Partinico – si potranno abbattere  di molto costi  del servizio perché diventerà sempre meno necessario il ricorso all’utilizzo delle discariche e sarà possibile  finalmente  arrivare al completamento del ciclo di raccolta con la separazione del rifiuto umido da quello  secco per  risolvere i così i problemi del conferimento della spazzatura”.

Annunci

Una Risposta

  1. Lodevole iniziativa, sperando che per il danno ambientale arrecato a Terrasini siano previste le dovute azioni di mitigazione a carico della ditta che ne trae il vantaggio economico per la vendita del compost.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: