Mafia di Carini. Confisca per 160 milioni di euro.

Roberto Conigliaro

Il patrimonio da 160Mln di euro appartenuto a Vincenzo Pipitone, esponente della mafia di Carini e Lorenzo Altadonna, imprenditore ritenuto contiguo alla cosca, è stato confiscato su disposizione della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, dopo le indagini economico-patrimoniali image

svolte, sotto la direzione della Procura di Palermo, dal Gruppo d’investigazione sulla criminalità organizzata (Gico) del locale nucleo di polizia tributaria.
Il patrimonio è costituito da imprese, aziende, quote societarie, ville e terreni, sparsi tra la Provincia di Palermo e quella di Trapani, e da numerosi autoveicoli, polizze vita e conti correnti di cui i due erano beneficiari. Tra i beni immobili confiscati risultano 4 società e relativi complessi aziendali e quote societarie, 3 ditte individuali nel settore edile, aziende nel settore del commercio di elettrodomestici e nell’abbigliamento con sede a Palermo e provincia, 3 opifici commerciali a Carini, 6 autoveicoli, 29 fabbricati e 43 terreni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: