Balestrate, sequestro di novellame e rete illegale

Militari G.C.Terrasini_novellameUna pattuglia di Militari della Guardia Costiera di Terrasini, nel corso di un’attività di polizia marittima nella giornata del 31 gennaio, volta alla repressione della pesca di frodo, ha sequestrato circa 50 kg di novellame di sarda, la cui cattura è, allo stato, vietata.

L’operazione si è estrinsecata, nella mattinata, in un’iniziale attività di appostamento e di monitoraggio, da terra, durante la quale, in prossimità del confine ovest del Circondario Marittimo di Terrasini, tra Balestrate (PA) ed Alcamo Marina (TP), in località “Calatubo”, è stata notata un’imbarcazione, verosimilmente intenta ad esercitare la pesca vietata di novellame.

L’attività di cattura dei preziosi e protetti individui giovanili di sarda è stata attentamente osservata, e terminata la stessa, e dirigendosi la predetta imbarcazione verso ovest, i Militari dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Terrasini hanno iniziato a seguire la medesima, sempre da terra, chiedendo ausilio ai colleghi Militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Castellammare del Golfo, che sono prontamente intervenuti.

Tutti assieme hanno atteso, senza farsi notare, che la citata imbarcazione approdasse ad una spiaggetta di Alcamo Marina.

Terminato lo sbarco in prossimità della battigia, i Militari sono piombati addosso a coloro che hanno esercitato la pesca di frodo: questi ultimi, però, accortisi dell’imminente sopraggiungere dei Militari, sono riusciti appena in tempo a risalire precipitosamente sull’imbarcazione ed a fuggire via mare, abbandonando il pescato.

Sono state così recuperate 4 cassette, per un totale di circa 26 Kg, che sono stati sottoposti a sequestro.

Il prodotto ittico è stato rimesso a verifica da parte di un medico del servizio veterinario dell’A.S.P. di Carini, e non è stato giudicato idoneo al consumo umano, perché non in perfetto stato di pulizia: lo stesso è quindi stato avviato, purtroppo, alla dovuta distruzione (previo cospargimento di candeggina), anziché essere devoluto, come già fatto innumerevoli volte in passato, ad istituti religiosi della zona, per essere donato a famiglie meno abbienti.

Durante la medesima operazione, e prima della predetta attività, è stata sottoposta a sequestro, reperita sullo scalo di alaggio del porto di Trappeto (PA), una rete del tipo “tartarone”, di circa 180 mt., illegale, utilizzata per la pesca del novellame e depositata da ignoti: la medesima era bagnata e presentava ancora tracce del novellame stesso.

Sempre nel corso della stessa operazione, nel pomeriggio, continuando nell’attività di appostamento e di monitoraggio, i Militari della Guardia Costiera di Terrasini sono riusciti ad impossessarsi ed a sequestrare altri 25 Kg. circa di novellame, appena sbarcati in banchina nel porto di Balestrate (PA): anche in tal caso, però, come già avvenute altre volte (il porto di Balestrate ha un unico accesso, da terra, tortuoso ed in piena visibilità), coloro che hanno praticato la pesca di frodo, subodorando la presenza e l’incombente irruzione dei Militari, hanno abbandonato il tutto, facendo perdere le loro tracce, via mare.

Pure in questa circostanza, il prodotto ittico è stato rimesso a verifica da parte di un medico del servizio veterinario dell’A.S.P. di Partinico, ed essendo, questa volta, stato giudicato idoneo al consumo umano, è stato devoluto ad un istituto religioso di Balestrate, per essere donato a famiglie meno abbienti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: